Tuesday, April 27, 2010

Once Purple (...lo dice un fan)

E questo è ciò che scrive un fan della nostra canzone "Once Purple"; un fan nuovo, un fan tecnico, un fan improvvisato, esperto, casuale, preparato in materia, certamente beat, spesso bulgaro, nel tempo libero artetecaio, roadie nel cuore, batteraio di proposito, accordatore di calcolatrici, cantierante artista in un hinterland del non dove:

"...ciò ch'era porpora ora è blu per dissociazione, scomposizione, di colori, di materia, è il distacco materno, era il sangue rosso e il cielo blu:ora solo cielo blu'es;
desiderio di comporre elementi metaforici come colori su una tavolozza ASAL as possible."

il tocco finale, "ASAL as possible" è puro genio, ma in pochi lo capiranno.

Dal nostro punto di vista, credo che "Once" sia rimasta alla grande nei nostri ricordi. Il suo processo di registrazione fu piuttosto articolato e la coda finale di chitarra torna spesso nelle nostre conversazioni, sul tardi, solitamente il venerdì, magari in un parcheggio, magari molto Paiza, magari molto rock stars pensionate.

Once è complessa, forse l'ultima canzone ad esser composta per l'album Lip and Tremble, la più nuova delle 11 di allora, forse la mia preferita.

Inoltre, venne scritta per due persone decisamente uniche.


Tuesday, April 13, 2010

Dave Pride

Dave Pàiza. È una questione di talenti misti.
Dave Pàiza sa trascinare una custodia di basso con la maniglia rotta, Dave sa rimanere con una custodia rotta per tre mesi senza avere la minima intenzione di farne un problema, Dave sgasa la Polo, Dave può ispirare un reef, Dave conosce il rock and roll, Dave conosce anche le poppettate italiane squallor e non le deride (io sì), Dave tira a canestro, Dave suggerisce, Dave vuole l’avventura quando si viaggia, annusa il deserto dell'Arizona e mi guarda soddisfatto con quell'espressione "cazzo, Sale, ora si ragiona" e non si ferma davanti alle rocce marocchine perchè il suo destriero può esser debole ma lui è sempre Pàiza;
Dave vuole gli spazi aperti, Dave intravede canzoni nei momenti più adatti, Dave commenta, Dave non commenta, Dave è bravo con la malinconia, la palleggia e se la guarda tutta e la tira fuori dopo anni con parallelismi doppio malto, Dave e il ritardo? "Ma vecio, sei tu che hai l'orologio avanti", Dave il basso lo rispetta, Dave, il basso e basta, Dave forse è nato da uno sfasciacarrozze, si è alzato in piedi subito dopo l'utero (un po' scocciato) e ha pensato che quello fosse un bel soggetto per un pezzo rock;
Dave somatizza il rock, Dave quando cala il sipario delle stelle le distorsioni le sente meglio, Dave è un Paiza, Dave è whiskey pride, Dave è Dave, ma Dave…

non sa fotografare:


(sì, quello sarei io, però Dave non ha colto il concetto di "fuoco manuale" – registrazione bozza del pezzo n°4 del nuovo album "LPAHHM" – Recording Weekend n°2)

Risposta di Dave Pàiza:



Col cazzo che Dave non sa fotografare... ho un talento naturale che snobbo, xè cercare di alterare la realtà con i trucchetti della tecnologia non fa per me... io le sensazioni cerco di prenderle a mani nude... questa ne è una famosa prova...
e l'altro è mio fratello...
Dave pride again...