Wednesday, June 9, 2010

Love & Psyché (& Paiza?)

 

(ITA - ENG follows)
Tempi di musica.
Lo studio suona di valvole riscaldate; è là, nel mezzo di una campagna remota, direi una terra di grano, piena di allergeni gialli.
Le batterie sono fatte. Suonano come dovrebbero, come dovevano suonare. Danno passo ai pezzi, gli danno forza e struttura passionale.
Il basso sarà finito per questo weekend. Paiza è in studio. Lì accadono eventi maleducati. Vibrazioni a basse frequenze rimescolano la ragione e gli schemi auto imposti. È il ruolo di Dave nel gruppo.
E mentre sto consumando Voxy Lady nell’appartamento più scomodo del grasso mondo, la grassa Juliette ha bisogno di una muta di corde nuove. Brillanti.


(ENG)
Times of music.
The studio sounds like heated valves; it’s right there, in the middle of a remote countryside, I’d say a land of grains, full of yellowish allergens.
Drums are done. They sound the way they should, they way they were supposed to be. They pace the songs, give them strength and passionate structure.
Bass guitar will be done by this coming weekend. Paiza’s in the studio. Rude things happen there. Low frequency vibrations stir reason and self built in schemes. That’s Dave’s role in the band.
And while I’m wearing Voxy Lady out in the least comfortable apartment of the fat world, fat Juliette needs a new set of strings. Shiny ones.